DOCUMENTARY: “Dreams of a life” – Carol Morley (2011)

DOCUMENTARY: “Dreams of a life” – Carol Morley (2011) I think this is the saddest documentary I ever watched. I was curious about the topic: is it really possible that someone can die in an apartment and being found only … Continue reading

Movie: The Piano Teacher – Michael Haneke (2001)

Movie: “The Piano Teacher” – Michael Haneke (2001) Some nights ago I watched a movie I was curious about; I’m talking of “The Piano Teacher” by Michael Haneke (director of the ferocious “Funny Games”). Since of the movie’s topic, it … Continue reading

International Day for the Elimination of Violence against Women

Article 1 of Declaration on the Elimination of Violence against Women:

For the purposes of this Declaration, the term “violence against women” means any act of gender-based violence that results in, or is likely to result in, physical, sexual or psychological harm or suffering  to women, including threats of such acts, coercion or arbitrary deprivation of liberty, whether occurring in public or in private life.

Articolo 1 della Dichiarazione sull’eliminazione della violenza contro le donne:

Ai fini della presente Dichiarazione l’espressione “violenza contro le donne” significa ogni atto di  violenza fondata sul genere che abbia come risultato, o che possa probabilmente avere come risultato, un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce  di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che avvenga nella vita pubblica o privata.

against_violence_on_women

Talk, explain, share, scream if it’s necessary. Don’t fight alone: together is easier.

Parla, spiega, condividi, urla se necessario. Non combattere sola: insieme è più facile.

Movie: “Prozac Nation” – Erik Skjoldbjærg (2001)

Last night’s movie: “Prozac Nation” – Erik Skjoldbjærg (2001) From Elizabeth Wurtzel’s best seller on her experience with depression. Now I’m curious to read the book, but I liked the movie so and so: for me, it lacks of that … Continue reading

Two games I play when I go alone around Milan

I don’t like Milan: for me, coming from Genoa, it’s a city too stressing, overcrowded and dispersive. Usually I see it in the short lapse of time from my arrive in the Central Station to the departing of the bus for Bergamo, from where Ryanair flights leave, and viceversa: just the time of a cigarette.
Howevere, it happens sometime that I have to go there for work (like occurred on wednesday) and so I have to pass some hours in that metropolitan chaos. I don’t like the lack of personal distance between people, the impossibility of walk in a straight line because of the crowd everywhere, I like even less the smog that glues on my body making me feel dirty even if I had a shower two or three hours earlier. On the other hand, a thing that amuses me is to be a random person, to which people pay attention just for some seconds, then removing the memory completely from their mind. This lets you observe who is around better than in the more little cities to which I’m used, like Genoa or Belfast.
So to go in Milan is becoming every time a secret entertainment. Usually there are two things I do to keep myself busy:

Non amo Milano: per me, che sono di Genova, è una città troppo stressante, sovraffollata e dispersiva. Di solito la vedo nel breve lasso di tempo che passa dal mio arrivo in Stazione Centrale alla partenza del bus per Bergamo, da dove partono gli aerei Ryanair, e viceversa: giusto il tempo di una sigaretta e poi via.
Capita però a volte che io debba andarci per lavoro (come è successo mercoledì) e quindi qualche ora nel caos della metropoli non me la toglie nessuno. Non mi piace la mancanza di un bolla prossemica tra le persone, il non poter camminare in linea retta a causa della folla che si trova ovunque, ancor meno lo smog che mi si incolla addosso e mi fa sentire sporca anche se ho fatto una doccia solo due o tre ore prima. Una cosa che però mi diverte molto è l’essere una persona qualsiasi, alla quale la gente sembra fare caso per qualche secondo per poi rimuoverla completamente dalla propria testa. Questo permette di osservare chi si ha intorno molto di più che nelle città più piccole alle quali sono abituata, come Genova o Belfast.
Ecco quindi che andare a Milano si tramuta ogni volta in un segreto divertimento. Di solito ci sono due cose che faccio per tenermi occupata:

1. To observe people seated in front of me in the subway, memorizing the more details I can, to draw then the scene when I’m home or on the train to Genoa. These below are those of my back trip to the Central Station on wednesday:

1. Osservare le persone sedute di fronte a me in metro, memorizzando il maggior numero di particolari possibili, per poi disegnarle una volta a casa o sul treno nel viaggio sino a Genova. Queste qui sotto sono quelle del mio viaggio di ritorno in Stazione Centrale mercoledì:

milan_subway

Continue reading

Love has no size.

Love has no size and it’s not a matter of weight on the scale. This is what Stephen taught me when we met. I’ve never been  one of those women obsessed with their own weight or with their appearence and I passed way more time cultivating what I have inside instead of what’s outside. Despite that, I found I have some basic manias, results of my social and cultural background, that had been given for granted and so every day worked in silence inside me, regulating the satisfaction and perception I had of myself.
In Italy we have a real obsession for physical shape: the majority of people I know, women or men, single or in a couple, are continously in diet. To have some chilogram too much is perceived as an obstacle to other people liking you and a lack of love toward yourself. There are then many other requisites, but that’s pretty strong, especially if you are a woman. In part it’s a question of tastes, but most of all it’s a consequence of aesthetic stereotypes that every day are given us from society and media, and with which, in time, unwittingly we grow.
One of the things that struck me more when I visited Northern Ireland for the first time, was the absence of this element: men, but even more women, are more free and the physical shape has really not so much importance. Some chilo too much is not an oppressive problem that prevents you to find a boyfriend or banish you in the club’s corner when you go out with friends. Character, intelligence and congeniality are the true important things, and even another kind of beauty, that takes its strenght from the person and not from the shell.
And Stevie thinks exactly the same way: not only he taught me to be more open toward people, but even to feel better with myself. If him, that is one of my favourite people in the world, loves me as I am, why should I worry about other things? To be ourselves is the sexiest thing we can do 😉

L’amore non ha taglia, non è una questione di chili sulla bilancia. Questo è quello che mi ha insegnato Stephen dacché ci siamo conosciuti. Non sono mai stata una di quelle donne ossessionate dal proprio peso o dall’aspetto fisico ed ho passato decisamente più tempo a coltivare quel che ho dentro rispetto a ciò che è fuori. Ciò nonostante mi sono resa conto di alcune manie che avevo di base, provenienti dal mio background culturale e sociale che davo assolutamente per scontate, che lavoravano in silenzio ogni giorno regolando la soddisfazione e la percezione che avevo di me stessa.
In Italia abbiamo una vera e propria fissazione per la forma fisica: la maggior parte delle persone che conosco, siano donne o uomini, single o in coppia, sono continuamente a dieta. L’avere qualche chilo in più viene percepito come un ostacolo al piacere agli altri ed una mancanza di amore verso se stessi. Ci sono poi tanti altri fattori, ma quello è davvero forte, soprattutto se sei una donna. In parte è una questione di gusti, ma per lo più è una conseguenza degli stereotipi estetici che ci vengono dati in pasto ogni giorno dalla società e dai media e con i quali, nel tempo, inconsapevolmente cresciamo.
Una delle cose che mi hanno colpita di più quando per la prima volta ho visitato l’Irlanda del Nord, è stata la mancanza di questo fattore: gli uomini, ma soprattutto le donne, sono più liberi ed il fisico ha davvero poca importanza. Qualche chilo in più non è un opprimente problema che ti impedisce di trovare un compagno o ti relega in un angolo del locale quando esci con gli amici. Carattere, intelligenza e simpatia la fanno da padroni, ed anche un altro genere di bellezza, che prende la propria forza dalla persona e non dall’involucro.
E Stevie la pensa esattamente così: non solo mi ha insegnato ad essere più aperta verso chi mi sta intorno, ma anche a sentirmi meglio con me stessa. Se lui, che è una delle mie persone preferite al mondo, mi ama per come sono, perché dovrei farmi altri problemi? Essere se stessi è la cosa più sexy che si possa fare 😉

001_56

Omnia mea mecum porto

There are people that have a best friend that goes with them for the most of their lives, listens to their confidences, is the mate for travels and adventures, never misses to give them attentions and comfort. There are then people like me, who never had a person like that: when I was younger I suffered a lot for this lack, I couldn’t understand why for people around me it was impossible to love me so much to be at my side. I thought it was my fault. Growing up I realized that yes, it’s my fault; or better, it’s because of how I basicly am, and it’s a thing you can’t change. I’m a averagely social person (when I want), I can joke, be together with others, and in time I even learnt all those pantomimes useful to have a good quantity of friends (most of all, female friends, with which I had a lot of problems in the past). Still I know I make some people feel awkward and uncomfortable, I don’t know how or why. In time I started to make virtue of necessity and to not feel anymore this lack of constant company; on the contrary, it’s part of me, and from time I don’t consider myself anymore my own enemy. Better: I became my best friend. I like to think, to draw, to read, to colour my world. And I do it on the pages of notebooks I carry with me, in which moments and impressions are indelibly exposed on paper. Previous pages become memories, the white ones days, and pencils, pens and colours are the means of my thoughts. Then, if the outside world is a bit bad (like in this period), they become even my home, and “Omnia mea mecum porto”.
The images in this post are all taken from my actual notebook, welcome to my house ♡

Ci sono persone che hanno un migliore amico che le accompagna per gran parte della vita, ne ascolta le confidenze, è il compagno di viaggi ed avventure, non fa mai mancare loro attenzioni e conforto. Ci sono poi persone come me, che una persona così non l’hanno mai avuta: quando ero più piccola soffrivo molto di questa mancanza, non riuscivo a comprendere come mai per le persone intorno a me fosse impossibile provare così tanto affetto da volermi stare accanto. Pensavo fosse colpa mia. Crescendo, mi sono resa conto che sì, è proprio colpa mia; o meglio, è a causa di come sono fatta alla base, ed è una cosa che non si può cambiare. Sono una persona mediamente socievole (quando voglio), so scherzare, stare in compagnia, e nel tempo ho anche imparato tutte quelle pantomime utili a farmi avere una buona quantità di amici (soprattutto di sesso femminile, cosa difficilissima per me in passato). Ciò nonostante so che faccio sentire alcune persone a disagio, non so come o perché. Col tempo ho iniziato a far di necessità virtù ed a non sentire più questa carenza di compagnia costante; anzi, fa parte di me, ed io da tempo non considero più me stessa un nemico. Meglio: sono diventata il migliore amico di me stessa. Mi piace pensare, disegnare, leggere, colorare il mio mondo. E lo faccio sulle pagine dei quaderni che porto con me, nei quali i momenti e le impressioni sono impressi indelebilmente su carta. Le pagine precedenti diventano ricordi, quelle bianche giornate, e matite, penne e colori il mezzo dei miei pensieri. Se poi il mondo fuori fa un po’ schifo, come in questo periodo, ecco che diventano anche la mia casa, ed “Omnia mea mecum porto”.
Le immagini in questo post sono prese dal mio attuale quaderno, benvenuti a casa mia ♡

leaves_lurgan_parkl

05/11/2013 – Leaves from Lurgan Park

jp_housel

09/11/2013 – The view from Jp’s kitchen window in a sunny day in Armagh

Emain_machal

09/11/2013 – Me, Stevie and Shan on the top of Emain Macha

I hate long distance relationships.

This blog, even not being limited to it, talks about my life between two countries thanks and due to the long distance relationship with my boyfriend. So you would expect anything but my complaining on this topic. But I’m actually in a bad mood, so I confess: there are those days (and nights) that I hate to have a long distance relationship. Let’s say it direct: sometimes it’s frustrating, and I say it from the heart. Then, for the time remaining, I bless the moment we met and, since of the truly incredible way it happened, I think destiny had exactly this in store for me.
Here is a short list of the things I hate about having a long distance relationship, I think who knows what I’m talking about will agree:

Questo blog, pur non limitandosi a ciò, parla della mia vita tra due nazioni grazie ed a causa della relazione a distanza con il mio compagno. Ergo vi aspettereste di tutto, meno che delle lamentele su questo tema. Ma si dà il caso io sia di cattivo umore, quindi confesso: ci sono quei giorni (e notti) nei quali odio avere una relazione a distanza. Diciamola in breve: ogni tanto è frustrante, e lo dico dal cuore. Poi per il resto del tempo benedico il momento in cui ci siamo incontrati e, visto il modo davvero incredibile in cui è successo, penso il destino avesse proprio questo in serbo per me.
Ecco una breve lista delle cose che detesto dell’avere una relazione a distanza, credo chi conosce la situazione da vicino concorderà:

002_12
The “see-you-soon” without actually knowing if it will be soon
– Like this time, many other: to say bye promising to see each other we’ll be together again soon, without having a precise date in which it will happen. That date, a simple, common number, means we can at least seize on something, a countdown, an end to loneliness. Otherwise, until date to be set, the situation smells irremediably of goodbye.

Gli arrivederci senza sapere effettivamente quando ci si riverdà – Come questa volta, tante altre: salutarsi promettendosi di rivedersi presto, senza però avere una data precisa nella quale accadrà. Quella data, un semplice, comunissimo numero, significa potersi appigliare a qualcosa, un conto alla rovescia, una fine della solitudine. Altrimenti, sino a data da destinarsi, la situazione puzza irrimediabilmente di addio.

002_22
The week ends – If there’s a hard moment, it is when you have time to rest, go out, think. It’s when we fight more. Me, in a country with my friends. Him, in another country with his mates. Times never fitting even for a decent call on Skype. To feel yourself set aside for a party a bit longer, another beer, a chat with strangers. The continue paranoia of not being important enough, of not having enough attentions.

I fine settimana– Se c’è un momento difficile è proprio quando si ha il tempo di riposare, di uscire, di pensare. E’ quando litighiamo di più. Io da una parte, con i miei amici; lui, dall’altra con i suoi. Tempistiche che non combaciano mai neppure per una chiamata decente su Skype. Sentirsi accantonati per una serata un po’ più lunga, ancora una birra, chiacchiere con estranei. La continua paranoia di non essere abbastanza importanti, di non avere abbastanza attenzioni. Continue reading